Tutti gli articoli di Francesco Papa

Apocalisse di Fatima: i “venti fortissimi”

Deriva da un mero calcolo fisico-matematico l’eventualità che se il campo magnetico terrestre rasentasse lo zero, gli immensi strati di materiale sotto la crosta terrestre comincerebbero a diventare “viscosi”, infatti l’equilibrio attuale fra temperatura e pressione tipico del mantello, dipende proprio dal campo magnetico generato all'interno del pianeta. Così, se questo toccasse lo zero le zolle tettoniche comincerebbero a “navigare” sulla superficie della terra come zattere nel mare, trasportando con sè immobili paesi, persone e continenti!

Et voilà, abbiamo compreso anche il perché dei “venti fortissimi”: chi si trova all’equatore, potrebbe trovarsi il giorno dopo in un clima polare; le terre che si trovano ai poli, potrebbero sciogliersi perché al termine del “viaggio” la “zattera” si ritroverà ai tropici o nell’afa di una temperatura desertica. Una fortuna per quelli che in fondo non hanno mai amato il luccicante riverbero del sole sui ghiacci, meno per i suoi orsi abituati ad andare in giro con la pelliccia.

Non si tratterà perciò di veri e propri uragani, ma del medesimo vento che ci sbatte sulla faccia quando andiamo in moto, senza un casco che ci protegga! Per questo nel dispaccio di Fatima è scritto: “state a casa chiudendo porte e finestre!”.

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

Apocalisse di Fatima: il dispaccio

Per un qualche misterioso motivo, del terzo segreto di Fatima – ormai apertamente accettato e diffuso dal clero – non circola la versione integrale scritta in prima persona da Suor Lucia (la più grande dei 3 pastorelli di Fatima), ma il commentario di sacerdoti vari. Ho qui fra le mani uno di essi, di cui non riporterò le prediche né le solite immagini funeste che ormai conosciamo tutti a menadito (tuoni, terremoti, guerre, fuochi, morti a non finire, panico, terrore, pestilenze etc etc) ma semplicemente le informazioni che possono aiutarci oggi a leggere questo clamoroso evento, che attende l’umanità sin dal 1917. Allora, cominciamo:

 

  • …la catastrofe arriverà ad un certo minuto dell’ultimo giorno”. Ciò vuol dire che possiamo già essere nell’ “ultimo giorno”, ma non essendo arrivato quel “certo minuto”, sembra che sia tutto a posto.
  • …il buio scenderà sulla terra per 3 giorni”.
  • Nel corso di una notte molto fredda, 10 minuti prima di mezzanotte, un grande terremoto farà tremare la terra per 8 ore”.
  • “…soffieranno venti fortissimi”.
  • …una grande croce mistica apparirà in cielo”.
  • Tutti gli spiriti maligni saranno liberi”.

 

Le precauzioni che il testo invita ad adottare per superare la “tempesta”, sono semplicissime:

 

  1. Convertirsi.
  2. Nella tua casa chiudere porte e finestre, non parlare se non a chi è già nella vostra casa. Non guardare al di fuori, non essere curiosi”.
  3. Accendete le candele benedette, perché per 3 giorni non vi sarà altra luce” e “preparare un sacro altare con un crocifisso”.
  4. Tutti dovranno avere con loro dell’acqua benedetta (o magnetizzata) per poter aspergere la casa intera, in particolare sulle porte e sulle finestre”.

 

Tutto qua. Non occorre nessuna angoscia e nessuna delirante corsa per le strade della città, in cerca di supermarket o gioiellerie da svaligiare, anche perché durante questi giorni è meglio digiunare: si tratta dell’ultima penitenza chiesta all’umanità prima dell’alba senza tramonto!

 

Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra,

perché il primo cielo e la prima terra erano passati… […]

…e asciugherà ogni lacrima dai loro occhi

e non vi sarà più morte né lutto né lamento né affanno,

perché le cose di prima sono passate” (Ap 21,4 e 8).

 

Ma… perché è bene stare ben tappati in casa durante quei giorni? Che cosa sta accadendo? Qual è la causa di tutto ciò?

L’unica avvisaglia sensata che si rintraccia nel dispaccio di Fatima è: “il vento trasporterà un gas che penetrerà in tutti i luoghi non lasciando trasparire il sole”, ma grazie al cielo la razionalità galoppa per sentieri suoi, e se la Signora Maria non ha ritenuto opportuno fare lezioni di chimica e geologia onde convertire i cuori alla vera fede, ciò non significa che è peccato per noi provare a farli.

Ecco quindi 6 ipotesi di spiegazione dell'evento di natura rigorosamente scientifica:
 

  1. I 3 giorni di buio.
  2. I venti fortissimi.
  3. La croce nel cielo.
  4. La "purificazione" dell'umanità.
  5. "Tutti gli spiriti maligni saranno liberi".
  6. Il nuovo cielo e la nuova terra.


Concludeva Suor Lucia parlando con il suo confessore:

 

"Padre, la Madonna è molto triste perchè quasi nessuno è interessato alla sua profezia del 1917".

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

Una barriera alla “illuminazione”

La New Age fa un gran parlare di "illuminazione" e di "illuminati". I suoi romanzi pullulano di storie più o meno incredibili dove l'adepto scopre profonde verità al seguito di guru e sciamani. 
Il cattolicesimo ricorre a tali espressioni assai meno, preferisce chiamarli "santi e beati", che sono però la stessa cosa degli illuminati!

Ora, a scanso di equivoci, in politica ed economia circola diversa specie di illuminazioni e di illuminati – i draghi neri della massoneria – i quali portano la luce che li ha illuminati ma non fanno parte della luce. Fanno come Lucifero, il quale conobbe tutto della Luce, e lo conobbe così bene… da rifiutarla.
Troppo sacrificio implica seguire la Vera Luce. 

Il primo sacrificio che ha da fare l'uomo che cerca l’illuminazione, è spezzare la Abituale Immagine che ha di Sè Stesso.

Ai tempi di Gesù, c’era Gesù che officiava al compito. Ma oggi?
Oggi c’è sempre Gesù!
Un devoto di Gesù troverà sempre la strada, naturalmente, però, deve volerlo; lo Spirito non può condurre per mano chi non è disposto a chiudere gli occhi anche per un solo momento ed ha paura di entrare in se stesso, in quel buio che si vede quando non si vede niente. Bisogna insistere e imparare a sentirsi a proprio agio in questo “vuoto”. Bisognerebbe imparare anche ad “usarlo”, perchè è proprio lì invero in fondo a quel “tunnel” che si trova la “stella” – quella dei magi; seguita, ci guiderà dritti dritti alla “grotta”.

E quando alla parola magica “io” si aprirà un sentirsi interiore senza confini, limiti, volti, figure, spazi e ricordi, si è raggiunto il “senso della realtà di se stessi”. Nulla eravamo e nulla siamo davvero: polvere di stelle rimane.

I cattolici esercizi di sviluppo della coscienza (confessioni, messe, rosari) porteranno un frutto difficile, tardo e difettoso se non si rompe il “guscio” che la vita quotidiana deposita continuamente, in ogni istante, intorno e dentro l'uomo, e che – anche a mentalità mutata (grazie a una formidabile lectio) – avvolge come un polpo tutte le azioni umane.

L’occidentale è ancorato all’idea di non poter raggiungere l’Unione con Dio se non dopo un’infinita sequenza di modificazioni del suo stato, ovvero tramite avventure dell'intelletto come corsi, libri, prediche, riti, battimenti e risbattimenti di petto. Quello più emancipato ricorre ai respiri calmi e profondi della New Age per sfiorare questa benedetta illuminazione, ma neppure ciò porterà frutto se non si conosce il "ponte"…

L’uomo è per natura unito a Tutto ciò che è, INCONDIZIONATAMENTE, intimamente, profondamente e senza alcun limite.

 

"Guarendo da tutti i vostri peccati,
avete guarito la vostra Terra!".

 

…diceva Gesù a una mistica dei nostri tempi. Come mai?
Perché solo la mente pone tappe, ostacoli, separazioni. Ma in realtà… noi siamo ciò che vediamo e ciò che vediamo è in noi. Ogni sincero flutto d’amore viene avvertito dal Cosmo tutto e ogni opaco pensiero incatena la Vita!
E’ dunque tanto importante sapere chi siamo.
E’ dunque tanto importante chiudere gli occhi, entrare in sé, e lì scordarsi chi si è.

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

Teologia del Rispetto

 

 

 

Il Rispetto Scientifico è diverso dal Rispetto Occidentale, malgrado la cultura occidentale si vanti di essere scientifica. 
Il Rispetto Scientifico prende l'opinione estranea e l'introietta dentro il suo proprio cervello al fine di carpirne i presupposti (domande scomode sono spesso necessarie).
Il Rispetto alla moda dell'Occidente ama confessare solenne: "Rispetto profondamente la tua opinione!" ma poi con le parole e i fatti va sempre lontano dall'opinione che "rispetta". Il dialogo in quest’ultimo caso è una pura, educata formalità.

 

Si rispetta un’opinione più indagandola che “rispettandola”!

 

Rispettare veramente un'opinione non significa necessariamente condividerla, ma applicarvi onestamente il cervello senz’altro!

Quando nella “danza dei convenevoli” (il “discorso rispettoso”) interviene un “eretico”, i fondamentalisti fuggono arroccandosi nella propria fortezza di cristallo, il che però aizza la razionalità ad espugnarle, giacchè Pallade è si dea della Giustizia e della Sapienza, ma anche delle arti militari! Acuti dardi e infuocate parole saranno la risposta a risposte che non arrivano. E’ sempre meglio perciò rimanere in piazza a rispondere vivacemente ai sermoni, piuttosto che chiudersi nelle proprie stanze regali aspettando che la bufera passi. Questo veramente è rispettare un'opinione diversa

Tuttavia, per quanta ragione si abbia, nemmeno Dio osa violare con le sue ragioni senz'altro più perfette delle nostre, la dignità della sue molte creature ribelli, in transito sulla Terra. Non tutti infatti sono pronti ad accettare qui e ora il pieno manto della spiritualità persino propria; agli ottusi (per scelta, stanchezza o innocente immaturità) Dio non manda schiere di angeli a tenere corsi di rieducazione pschiatrica, e se non lo fa Lui, non c'è motivo che lo faccia neanche il più sapiente tra noi!
Bisogna sempre farsi guidare dalla gentilezza e dal “sacro rispetto della persona”, il quale però non implica "sacro rispetto" di tutte le opinioni che ogni persona secerne, né significa fare del “Rispetto profondamente la tua opinione!” un nuovo mantra: come si è detto prima, rispettare significa incontrare le persone, col cuore ma anche con la mente, perché l’uomo reale è fatto di tutte e 2 le cose.

Bisogna affermare con chiarezza qual è la nostra verità e viverla tenacemente, con integrità e umiltà, ma bisogna concedere agli altri gli stessi nostri diritti, incluso quello di essere rispettati COME UOMINI, e non come “poveri peccatori posseduti da demoni” (per un cattolico), come “sfortunate persone poco intelligenti” (per un ateo), come “giovani anime senza i chakra sviluppati” (per un newager).

Sospendere il giudizio è rispettare veramente l’umanità.

 

 

Si compatiscono i malati, gli indemoniati e i cretini, ma un modo di pensare genotipicamente diverso dal nostro non è necessariamente malato, necessariamente indemoniato o necessariamente cretino, soprattutto se neppure lo si ascolta né ci si sforza di rispondergli perché “tanto è malato/indemoniato/cretino!”. Un link alle reazioni istintive tipiche tra atei e cattolici, è qui esplicito.
Un cattolicesimo maturo, un ateismo maturo, una New Age matura, una religione ed uno spirito maturi, paradossalmente, quando si confrontano scordano perfettamente chi sono, in modo da non avere diritti da bastonare in testa agli interlocutori.

 

"Ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile. Sempre."
(C. Mazzacurati)

 

Come sarebbe stato corretto comportarsi dinanzi ad Hitler?
Nel misurarsi con qualcuno che manifesta idee molto forti, occorre grande forza e grande equilibrio per difendere il proprio punto di vista senza gettare dalla finestra l'altro. Forse Hitler si sarebbe comportato diversamente, se nella sua strada avesse incontrato un uomo d'amore, un uomo dal quale si fosse sentito rispettato veramente.
Nell'arcobaleno ogni colore si fonde armoniosamente con l'altro. Confidiamo dunque sia sempre possibile trovare un valoroso compromesso, perchè l’altro è soltanto un aspetto di ciò che siamo noi, e noi tutti siamo una sfaccettatura più o meno gloriosa del Creatore.

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

“E io non voto più”

Non posso più tacere, riporto la mia esperienza (siciliana) del voto, a causa della quale da anni non voto più.

Avevo notato che per fare la x sulle schede, il personale distribuiva matite con una grafite molto morbida. Ottime per fare le sfumature dei disegni. Chiedendo come mai questa strana scelta, mi si rispose che solo apparentemente erano matite comuni, in realtà contenevano una sostanza che rendeva il tratto indelebile e più resistente di quello delle penne ad inchiostro.

“Davvero?” risposi stupefatto. Purtroppo, non avevo una gomma per testarlo.

Trascorsero 5 anni, e questa volta non dimenticai di portare con me la gomma. Anzi, ora che ci penso in realtà la dimenticai, e visto che era domenica dovetti passare al laboratorio di mio padre per cercarne una come un matto, dato che il successivo test l’avrei potuto fare solo dopo altri 5 anni. Ne trovai una, ma non quella bianca, per le matite, bensì quella dura per le penne: “vaboh, meglio di niente”.

Ma io immaginavo già che la società è quella che è, così mi portai anche una penna. Effettivamente, il test fallì: anche se la gomma non era adatta a cancellare la grafite, questa cancellò tutto benissimo. La matita non sembrava neppure una HB (dal tratto semiduro) ma una 2H o forse addirittura una 3H, tanto mi fu facile cancellare la x appena tracciata. Data la statura simbolica del segno appena tracciato, cancellarlo mi sembrò quasi un miracolo: il foglio tornò puro. Fortunatamente, avevo portato con me la staidtler, così scrissi una grossissima x sul mio candidato. In più, scrissi un messaggio sulla parete della cabina per mettere in guardia gli ingenui elettori contro le insidie della matita fornita.

Passarono 5 anni. “Forse – pensai – la scorsa volta fu un caso, una distrazione, un incidente; testerò anche quest’anno la democrazia”. Mi recai con la penna e una gomma più soft, quella bianca, adatta alle matite comuni. Beh, si cancellò tutto come prima. Quindi, in conclusione, io ho votato a vuoto per almeno 10 anni e così anche quelli del mio distretto, che ricevevano fidenti lo strumento della democrazia da altrui mani.

Spiegando queste cose a chi mi chiede come mai non voto più, essi mi rispondono che avrei dovuto denunciare il fatto alle autorità competenti, o fare una scenata proprio lì in mezzo alla gente. Oh, forse avrei dovuto, così lo faccio ora. Tuttavia, non credo la mia denuncia avrebbe potuto far annullare gli ultimi periodi elettorali, nei quali Berlusconi è salito per pochissimi voti di scarto (quelli finti dei siciliani, incluso il mio?). Ora il mio senso civico mi suggerisce di fare cose diverse per la patria che una visita alle elementari ogni 5 anni. Tanto, almeno qui in sicilia, sempre le stesse matite si useranno nell’obbedienza generale, e siccome la mafia è di casa, sarà così facile adibire la persona giusta (con la gomma giusta) allo spoglio delle giuste schede elettorali!

E’ proprio vero che il genio si riconosce dalle cose semplici!

“11 Settembre”: replica perfezionata del caso Yvonne Fletcher?

Yvonne Fletcher è passata alla storia come la piccola, giovane, dolce ed esile poliziotta cui crudelmente spararono il 17 aprile del 1984 a Londra dal primo piano dell’ambasciata libica durante una manifestazione contro la politica di Gheddafi in Libia.

Morendo, si cercò l’assassino. Risultò essere un soldato libico, rimase da capire se fosse un soldato pazzo o un soldato obbediente. Si fece avanti la Cia che si dichiarò in possesso di “prove inconfutabili”, cioè intercettazioni telefoniche in base alle quali Gheddafi 24 ore prima diede chiaro ordine di sparare sulla folla. Tutta la nazione pianse così l’orribile tragedia, fra urla, strepiti e lacrimevoli reportage tv. A parte il fatto che il ritornello “Prove Inconfutabili” fu identico a quello usato dai TG all’indomani della caduta delle torri gemelle (io personalmente notai il ripetersi della filastrocca perchè casualmente avevo letto solo qualche giorno prima del caso Yvonne), non sembrerebbe esserci nient’altro da dire, sennonché… non c’è verità cui la Storia non renda tributo (prima o poi). Si osservi che:

.

  1. Nel 1984 lo staff del presidente Reagan era notoriamente accanito contro la Libia, anzi era misteriosamente certo che la sua rielezione dipendesse dalla caduta del regime di Gheddafi, ma gli ufficiali americani non trovarono i loro alleati della Nato entusiasti di sostenerli in azioni militari contro quel paese. Con l’assassinio di Yvonne Fletcher, l’atteggiamento inglese verso la Libia si irrigidì subito e il governo britannico diede il nulla osta ai bombardieri americani di partire dagli aeroporti militari inglesi, un’eventualità semplicemente impensabile fino a quel momento. Dunque “Obiettivo Gheddafi”: quella notte lui se la cavò senza danni, meno fortunati i suoi figli: due di loro riportarono gravi ferite mentre la sorella adottiva di appena 15 mesi morì tra le macerie.
  2. Nel 1992 un dipendente della Hughes Tool Company, una società che dava spesso copertura al personale della CIA, scoprì che nella stessa piazza dell’attentato (St. James Square) la Cia aveva un ufficio molto molto riservato ai piani alti di un certo palazzo; in preda a mille elucubrazioni l’uomo spedì una lettera a Channel Four i cui dirigenti contattarono la Fulcrum Productions, una casa di produzione documentari dalla solida reputazione. Gli inquietanti risultati vennero trasmessi nell’aprile del 1996. Si scoprì che:

a) Neppure la madre di Yvonne Fletcher aveva il permesso di visionare i risultati originali dell’autopsia, finchè un notissimo medico legale inglese intervenne e fu possibile confrontarli con il rapporto ufficiale.

b) Il medico che fece l’autopsia, un certo Ian West, scrisse due copioni, sul primo diceva “…è stata colpita alle spalle da una persona situata a un’altezza di molto superiore…” e annotava un angolazione del foro d’entrata del proiettile di 60/70 gradi; sul secondo parla di un’angolazione di soli 15 gradi e, quindi, di un possibile “…primo piano…” (ovviamente quello dell’ambasciata). Come dire, quello che oggi mi sembra essere una parete domani diventa per me un pavimento.

c) L’esame autoptico dimostrava che al momento dell’impatto l’energia cinetica della pallottola era esaurita e la sua parabola “cadente”, elementi che caratterizzano l’uso di un silenziatore, di cui però l’arma del reato – quella del soldato libico – non era dotata.

d) Un esame fonico del video della scena, casualmente ripreso in diretta dalla BBC, rileva più o meno distintamente il suono di un colpo d’arma da fuoco più ottuso precisamente 2 secondi dopo che il killer libico aveva cessato il fuoco.

.

Conclusione: Yvonne Fletcher fu vittima sacrificale di un di lei più alto disegno e non ci sarebbe da stupirsi se, fatto 30, a qualcuno verrebbe in mente di fare pure 31, 32 e 33. Difatti solo una sorte simile a quella riservata a Yvonne giustificherebbe la decisione di Bush di battezzare l’11 settembre come “Il Giorno dei Patrioti”, perché – se ci si pensa bene – chi muore bruciato vivo mentre va a comprare il pane, non è affatto un patriota, ma un poveraccio. Può però diventare “patriota” se la sua morte in qualche modo serve la causa nazionale, ed è stato proprio così con quelle 1.500 persone! (che all’inizio erano “senza dubbio” almeno 8-9.000). Gli Usa a causa dell’11 settembre hanno recuperato in un sol colpo un’indiscussa egemonia su due nazioni straniere (Afghanistan e Iraq) la cui collocazione geografica – nel cuore rispettivamente dell’Asia e dell’Eurasia – non lascia di suggerire legami con la tesi un po’ folle di un geografo britannico dei primi anni del ‘900, ripresa niente poco di meno che nel documento di Stato JCS570/2, secondo la quale:

 

“Chi domina l’Europa orientale domina l’Asia centrale; chi domina l’Asia centrale domina l’isola mondiale [cioè la terra che comprende Europa, Asia e Africa]; chi domina l’isola mondiale domina il mondo”.

 

Il documento voleva rispondere all’interrogativo di Roosevelt rispetto a quale linea di politica estera avrebbero dovuto tenere gli Stati Uniti dopo la conclusione della seconda guerra mondiale. Si realizza così la profezia di Ralph Peters, colonnello dell’esercito americano durante gli anni ’80 e ’90, il quale sosteneva che il fine delle forze armate statunitensi è quello di rendere il mondo “sicuro” per l’espansione degli interessi commerciali americani, aggiungendo:

 

“Toward this end there will be a fair amount of killing” (“Per questo scopo avremo un numero non trascurabile di morti”).

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

M.M.S – “Mineral Miracle Solution”: un caso di coscienza

Su Striscia la Notizia e di conseguenza su internet, si sono dette molte cose drammatiche su questo prodotto, ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’ha approvato come cura rapida, NON INVASIVA e a poco prezzo per la malaria, e chi si cura dalla malaria con questo prodotto – seguendo i protocolli – non ne è uscito intossicato in alcun modo!
In base a questa osservazione – non dedotta da nessuna tv – io ho avuto la fiducia di testarlo sulla mia persona per la forfora e qualche volta anche internamente (per la tosse), e non ne sono uscito avvelenato! Come in effetti  aveva previsto l’OMS.
Per la forfora, prima, utilizzavo un intruglio misterioso della NOVARTIS (importante farmacia israeliana), cura che costava circa 20 euro a trimestre. Non era un comune shampoo antiforfora, ma qualcosa di più risolutivo. Con l’MMS direi che 30 euro mi bastano per 1 anno, e registro un cuoio capelluto morbido, elastico e sorprendentemente terso come quello che ottenevo con la lozione novartis (non ricordo più il nome esatto, forse si trattava del “Neril Lozione Anticaduta“).

Il negozio italiano online di MMS, è stato chiuso immagino dalle autorità italiane, impedendo al piccolo produttore italiano – curatore del sito www.mms-italia.org e della relativa pagina facebook – di fare affari in Italia, ma non potendo impedire a produttori stranieri di fare affari con gli italiani. Di fatto, adesso mi rifornisco da quest’ultimi, ovvero mando soldi negli USA anzichè farli restare in Italia, in cui l’MMS fra l’altro circolava ad un prezzo più vantaggioso.
Anche su ebay non vi è più traccia di MMS, ma resta disponibile online presso alcuni siti di produttori stranieri. Grazie a Dio.
Purtroppo, però, non è più possibile acquistare il LIBRO IN ITALIANO di Jim Humble, un tempo pubblicato da www.mms-italia.org, nel quale comparivano le ISTRUZIONI PER AUTOPRODURSI L’MMS IN UN PICCOLO LABORATORIO DOMESTICO. Tali informazioni sono ancora disponibili, ma solo in inglese.

Il link al negozio www.mms-supplement.com messo nella sidebar destra di www.newageofcattolicesimo.it, non è un link di affiliazione, ovvero, da un eventuale acquisto dal clic del visitatore, io webmaster non traggo nessuna provvigione, perchè il negozio statunitense non ha approntato nessun piano di affiliazione. Pubblico il link e l’informazione come “caso di coscienza”, ben adatto alla piccola lista di rimedi “naturali” consigliati.
Tutti i medicamenti maggiori promossi in questo sito presentano un rapporto E.I. (effetto-invasività) uguale o molto vicino a 1, cioè a massimo effetto sul benessere dell’individuo e a minima invasività sui meccanismi organici pre-esistenti, ma a patto che si seguano i protocolli indicati!

 

NOTA FINALE

Jim Humble ha fondato una “Chiesa” dedicata all’MMS, ma questa è una deriva atea che prende in giro la Chiesa tradizionale, in quanto l’acqua del battesimo – a dire di un ateo – non ha mai prodotto alcunchè di benefico. Invece l’MMS purifica davvero! Persino mensole e posate.
Io sono molto tollerante, comprendo e perdono le prese in giro, cercando di prendere il meglio da tutto e da tutti. Così respingo il fanatismo e prendo l’MMS, che mi assicura una testa forfora free a poco prezzo ed un intestino più leggero e pulito (di solito sono un pò stitico ma con l’MMS faccio più cacca).

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

“Quel papa amico di Pinochet”

papaNon ho conosciuto papa Wojtyla come neppure con papa Francesco vi sono andato a pranzo, e perciò non ho elementi materiali per valutare seriamente la consistenza di queste persone e tutto quanto si racconta a loro riguardo.
Si può mai giudicare… per sentito dire?
La cosa che vedo più chiaramente, è che la moltitudine si attacca ai santi come gli atei si attaccano ai difetti della Chiesa cattolica, quasi che con ciò siano più sicuri di evolvere interiormente.
E’ chiaro che solo questo non basta.
Un papa perfetto non può bastare ai cattolici che sulla via della redenzione sono impantanati da anni ormai.
Invece, un papa perfetto può giovare a quelli che erano fuori dal cattolicesimo da troppo tempo ormai.
Un santo attrae. Ma attrae anche una persona giusta ed onesta, non necessariamente mistica. Quindi un prelato che dalla tv distantissimo parla bene a tutti, può giovare a tutti e a molti (meno a quelli che per evolvere sono arrivati al punto di dover assumere cibo e bevande più che profumi e prediche).

.

Un papa è destinato a guidare la politica, gli angeli e gli ufficiali delle milizie, non proprio i soldati semplici! 

.

Veramente non capisco tutte queste lodi da parte dei poveracci verso questo o quell’eroe che non hanno conosciuto e col quale non hanno mai parlato. Neppure un giudizio sull’attività politica dei papi nella storia è da parte mia formulabile, perchè non ho poteri ESP (viaggio col corpo astrale attraverso il tessuto spazio-temporale del cosmo). Non conosco i pensieri dei cuori, e cosa il mondo sarebbe stato se papi e politici avessero preso decisioni diverse.
La tv non è una affidabile fonte di verità in quanto ama filosofeggiare ed allungare o stringere la verità per fare più audience e così vendere spazi pubblicitari a prezzi più alti, e perciò non mi resta che esercitare la fede e dire: “Signore se ti è piaciuto questo tizio tanto da metterlo sugli altari della Chiesa, lo terrò in alta considerazione. Se invece non ti è piaciuto, quando lo incontrerò nell’aldilà non lo terrò in nessuna considerazione“. Di più al momento non ho da fare. Cosa aggiunge oggi alla mia vita fare inni o sberleffi, ad ogni sentenza o non sentenza di un prete?

.

Faccia esso la sua vita,
che io sono del tutto indaffarato con la mia.

.

E come poter vivere grato nella memoria di questo santo, se non mi è piaciuto vivere nella memoria Del Santo, che sta a tutte le ore del giorno rinchiuso nel tabernacolo?
Essere cattolici è più del dire: “Papa Francesco è un bravo papa”.

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

Dogmi

E’ venuto il momento di elencare questi famosi dogmi della Chiesa cattolica, che dovrebbero castrare ogni spirito e spiritualità:

 

1° DOGMA: Dio è uno e trino. Gesù ne è la seconda persona, la quale è Dio e Uomo al tempo stesso (definita sinteticamente come “Il Figlio”). La terza persona è lo Spirito Santo, che procede dalla prima e dalla seconda.
2° DOGMA: Maria è Madre di Dio. Concepita senza peccato originale e Vergine Immacolata prima, durante e dopo il parto. Non è mai morta ma è stata assunta dal Figlio sia in anima che in corpo (cioè mentre era ancora viva).
3° DOGMA: Nell’ostia ci sono veramente il corpo e il sangue di Gesù, e dopo la solenne consacrazione durante la celebrazione, rimangono tali per tutta la durata della loro sussistenza organica.
4° DOGMA: Luoghi metafisici come purgatorio, inferno e paradiso, sono reali come la terra, benchè non visibili nè liberamente accessibili.
5° DOGMA: Il papa è infallibile quando parla ex cathedra (non dunque necessariamente quando si affaccia dalla finestra la domenica o fa una qualsiasi predica in chiesa). Inoltre, la sua infallibilità pertiene la fede cattolica e la morale, non la scienza, e tale infallibilità non appartiene ai suoi preti, vescovi e cardinali, ma è prerogativa propria solo e soltanto del Papa.

 

IL SESTO DOGMA

angeloIn realtà si annuncia un sesto dogma, alla nomina del quale da parte del clero, lo Spirito di Dio promette l’avvento di una nuova era per  tutta l’umanità. Tale dogma è quello che proclama solennemente: per la Chiesa “Maria è Mediatrice di Tutta la Grazia”.
Purtroppo, infatti, ancora oggi la Chiesa non è compatta nel riconoscimento della figura della Vergine Maria, che viene concepita come un canale insigne certo ma non-indispensabile e dopotutto abbastanza consueto della Gloria divina. “E’ sufficiente pregare Gesù!” dicono.
Ma se Gesù è Primo Mediatore presso il Padre, Maria è Prima Mediatrice presso Gesù!

 

Come si vede, da tali dogmi (soltanto 5 e non centomila) lo spirito e la spiritualità  non vengono mortificate, ma anzi ravvivate:

1° STIMOLO: Se Dio è un principio triplice e Gesù, uomo, ne è parte, questa dovrebbe essere una gran bella notizia per tutti gli uomini, perchè un piccolo ammasso di carne del peso di soli 80kg (Gesù) è divenuto capace di prender parte niente meno che allo Spirito dell’Universo nella sua inconcepibile pienezza.
2° STIMOLO: Se anche Dio ebbe una Madre, questa è una gran bella notizia per tutte le donne nonchè per tutti i filosofi, che non troveranno mai più sulla terra motivo di intellettuale pigrizia. Inoltre, se della carne debole e mortale può essere “assunta” nell’etere, questa è un’altra bella notizia per tutte le persone affezionate alla loro carne e alle loro ossa.
3° STIMOLO: La trasformazione di vero pane e di vero vino in vera carne e vero sangue, è il trionfo della “magia”, l’umiliazione della materia e l’esaltazione della potenza e della compassione dello Spirito dell’Universo, che non si fa problemi a concedere simili “poteri” agli uomini. Allora, l’uomo magico e spirituale come quello New Age, dovrebbe trarre solo conforto da una religione ufficiale che proclama queste cose e che addirittura li immobilizza in “dogmi”.
4° STIMOLO: La New Age non fa che parlare di altri mondi e altre dimensioni, accessibili dagli “sciamani” – soggetti misticamente dotati fuori dalle convenzioni del mondo  – allora, dovrebbe essere felice che ci sia nel mondo una religione molto popolare che suggella in “dogma” l’esistenza di almeno 3 realtà che scorrono parallele a quella materiale.
5° STIMOLO: Alla logica umana sembra molto utile che nel mondo ci sia una ed una sola persona designata tra tutte – sostenuta dalle preghiere di tutti – a guidare la politica e la morale pubblica nei momenti storici cruciali.
Ma tali momenti – nella Chiesa cattolica – non sono la chiacchiera del papa a fine pasto natalizio, e perciò il quinto ed ultimo dogma del cattolicesimo non è così stupido come comunemente piace credere.
Il papa sarà un vent’ennio che non parla in ex cathedra. Non ne sente l’esigenza! Tutti pendono dalle sue labbra anche quando starnutisce, il quale sembra un segnale divino, ciò che conserva la Chiesa in una perfetta pulizia mentale e culturale, pur quanto qualche eminente personaggio al suo interno divulghi di quando in quando profonde castronerie. Infatti, solo il papa ha il potere di creare con le parole e l’opera la Santa Dottrina, non gli altri!

separatore NAC

Questi sono i 5 dogmi del terribile, crudele ed insensato cattolicesimo.

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon

La fede dei bambini

“Non sognare; tu devi rimanere coi piedi per terra!”.

Questo è quanto ti dice un “bravo” papà quando si accorge che il figlio si sposta al di là delle cose un pò più del dovuto. Questo è quel di cui – sferzati dal mondo – ci persuade il mondo, quando ci promette che non avremmo più sofferto una volta fatto come dice lui e il papà.

separatore NACSe questa è la tua esperienza, come sarà difficle per te dare la vita per ciò che non si vede!
Infatti, chi vuole piegare o vuole dare una qualche direzione ad un albero deve cominciare a piegarlo e a dargli la voluta direzione quando è ancora giovane e tenero. Quando invece l’albero è cresciuto e si è fatto robusto, è opportuno ricorrere a mezzi straordinari per tentare di dargli un’altra direzione, sia pure con poca probabilità di riuscita; se poi l’albero è diventato proprio vecchissimo, allora esso non può più venire piegato in altra direzione se non nell’ultima, cioè quando viene abbattuto con la scure.

boscaiolo

Abbiamo, adesso, nelle nostre proprie mani, il potere di cambiare la nostra forma e il nostro destino con un atto di piena fiducia in ciò che, appunto, non si vede. Il mondo spirituale che era pronto ad accoglierci da fanciulli, vuole accoglierci anche adesso. Abbiamo adesso la possibilità di vendicare con un atto di pazzia, la follia di coloro che ci vollero perpetuamente piccoli e sgraziati, perchè «se non vi convertirete e non diventerete come bambini, non entrerete nel regno dei cieli» (Mt 18,3).

Firma finta per nac3

Ti è piaciuta o ritieni utile questa lettura?

ok-icon no-icon